ANZIO: STORIA DI MORTI E RINASCITE

Quella di Anzio è una storia di trasformazioni continue, evoluzioni e involuzioni, crolli e rinascite. Ed è una storia antichissima di un centro in grado di raggiungere prosperità già in un periodo antecedente alla nascita dell’impero romano. La città, infatti fu la capitale dei Volsci prima che il territorio venisse inglobato all’interno del futuro Impero Romano. La città conobbe un periodo di gloria sotto la dinastia dei claudi e diede i natali a illustri imperatori come Caligola e Nerone, ospitando sovente Cicerone e Mecenate. Nel Medioevo la città visse un tracollo mentre il centro urbano si spostò nella vicina Nettuno. Fu nel XIX secolo che Anzio tornò in auge, configurandosi come un centro balneare di rinomata importanza e sede di un turismo destinato per lo più ad altolocati signori della medio – alta società romana. Intanto essa era diventata, a partire dal 1856, un comune autonomo, separandosi da Nettuno. A cavallo tra XIX e XX secolo, lo sviluppo divenne più imponente, la città mutò forma assumendo una connotazione marcatamente urbana. Oggi Anzio è un centro di riferimento turistico in grado di offrire paesaggio marino, arte e cultura, figlie di una storia intensa e turbolenta, e una posizione strategica ideale, data la prossimità con Roma, distante meno di 60 km. L’assetto urbano ha però risentito dell’involuzione economica che ha sottomesso l’intero paese, in particolare in ambito edile e l’abbassamento dei prezzi ha fatto sì che le villette in vendita Anzio diventassero sempre più numerose. Ora l’assetto strutturale della città è in gran parte figlio della straordinaria evoluzione urbanistica inaugurata a partire dagli anni ’70, a cui si lega un retaggio storico di indubbia rilevanza.