Vecchi processori una miniera per i compro oro

Tutti i prodotti elettronici di vecchia generazione, quelli risalenti fino alla fine degli anni ‘90 per intenderci, potrebbero in teoria costituire una buona fonte di materiali preziosi per i molti compro oro.

Diciamo in teoria perchè in pratica il processo che porta all’estrazione del prezioso metallo, contenuto all’interno delle schede madri dei circuiti stampati, comporta una tipologia di lavorazione difficilmente fattibile (e anche un po’ pericolosa visto che si utilizzano acidi e alte temperature) in un ambiente domestico.

Il problema si pone visto che da un pò di tempo girano sul web video che “chimici” improvvisati e fai da te, fanno sembrare l’estrazione dell’oro dalla componentistica elettronica una cosa semplicissima fattibile con un cannello a gas e un paio di alambicchi con acidi vari.

 

Dilaga tra i compro oro la ricerca di componenti elettronici>

Le schede madri dei circuiti stampati, hanno al loro interno anche altri materiali preziosi, come platino, argento, palladio e molti altri, che le rendono appetibili, quindi se avete in cantina o in garage, questi apparecchi oggi forse obsoleti, aspettate a gettarli nella spazzatura, potrebbero avere ancora un discreto valore.

In questi giorni stà diffondendosi la voce che diversi compro oro siano alla ricerca di vecchi dispositivi elettronici di qualsiasi tipologia, forse dovuto da un mercato ormai saturo di competitor che cercano ovunque nuove fonti di questo metallo.

Per tutti i profani, che si trovano fra le mani un circuito stampato di vecchia generazione, la regola è che maggiore è la dimensione del chip, fatto rigorosamente in ceramica e maggiore sarà il quantitativo di oro al suo interno.
Discrete quantità di oro si trovano anche all’interno dei chip e dei connettori per le memorie Ram delle schede madri.

Purtroppo però questa tecnica di costruzione è ormai scomparsa quasi del tutto, i nuovi modelli hanno visto il prezioso metallo essere sostituito con il rame, questo ha permesso di dare un taglio netto ai costi di produzione, con relativo abbassamento dei prezzi dei pc.

Anche se l’oro non è stato del tutto abbandonato, come materiale per la costruzione dei processori contemporanei, lo potete trovare infatti nella placcatura dei piedini…che possa ancora interessare a tutti i centri di valutazione oro?

 

Lascia un commento