Si può davvero diventare ricchi con il Forex e le opzioni binarie?

Complice la crisi, sono cresciute a dismisura le offerte che promettono, previo investimento di un piccolo capitale, la ricetta perfetta per diventare ricchi senza neanche faticare troppo. Chi naviga sul web si sarà sicuramente accorto che il tema ricorrente di questa specie di offerte è spesso, anzi quasi sempre, quello del Forex e delle opzioni binarie, una combinazione di fattori che, promettono in realtà in molti, potrebbe far arricchire chiunque.

Il condizionale è d’obbligo, perché stando poi a quelli che sono i risultati effettivi conseguiti da chi rischia il proprio capitale, forex e opzioni binarie potrebbero essere tutto fuorché una ricetta per investire qualche centinaia di euro e, dormendo sonni rigorosamente tranquilli, arricchirsi a vista d’occhio giorno dopo giorno.

 

Si tratta, quando parliamo di Forex, di un mercato finanziario puramente speculativo, dove gli investitori puntano su questa o quella valuta nella speranza di averci visto giusto e portare a casa qualche guadagno. Non che la sua natura speculativa sia per forza di cose un male, anzi. È grazie al forex che lo scambio tra le diverse valute viene portato in equilibrio e in un regime economico di libero scambio e libera circolazione delle valute, il lavoro svolto da questo mercato finanziario è più che fondamentale.

Lavoro fondamentale che però non vuol dire che sia un mercato alla portata di qualunque tipo di investitore, anche di quelli che non hanno alcuna preparazione di tipo economico-finanziario, pur avendo qualche migliaia di euro da investire.

Stesso discorso vale per le opzioni binarie, che sono il vero casinò dell’investitore alle prime armi. Si tratta in genere di scommesse sul rialzo o sul ribasso di un determinato titolo, qualunque esso sia, in grado di portare guadagni (o perdite) nette a doppia cifra percentuale. Si tratta purtroppo di un mercato finanziario tra i meno regolati e in grado, ce ne rammarichiamo allo stesso modo, di attrarre un gran numero di investitori che, attratti dalle false promesse di facile guadagno, finiscono poi per sperperare i risparmi di una vita giocando a quello che è a tutti gli effetti un gioco d’azzardo e non uno strumento di investimento.

Esistono profili precisi di investitore che si addicono a questi tipi di mercati, e in genere i piccoli risparmiatori che hanno bisogno poi dei soldi investiti dopo pochi anni, non corrispondono a quanto un serio broker identificherebbe come un potenziale cliente.

Quindi la risposta è sì: si può diventare con il forex e le opzioni binarie, anche se, come dice una vecchia canzone, “uno su mille ce la fa”, con gli altri 999 che rimangono a maledire il giorno in cui si sono affidati ad un broker senza scrupoli.

 

Lascia un commento