IL COMFORT DELLA TECNOLOGIA DEI CLIMATIZZATORI

Secondo la definizione dello standard Uni 10339 si intendono climatizzatori quegli apparecchi che “sono in grado di realizzare e mantenere simultaneamente negli ambienti condizioni termiche, igrometriche e velocità dell’aria comprese entro i limiti richiesti per il comfort della persona”.

Al di là di quelle che sono definizioni tecniche che interessano in altre sedi, al giorno d’oggi i condizionatori più utilizzati sono costituiti da una unità interna che provvede alla climatizzazione del locale e da una unità esterna necessaria allo scambio termico fra il fluido utilizzato per la climatizzazione e l’aria esterna. Gli apparecchi di nuova costruzione hanno spesso caratteristiche innovative che non rientrano in questa definizione, come per esempio la “ionizzazione” per eliminare le particelle inquinanti o la “foto catalizzazione” per eliminare germi e batteri. Questo in sintesi “il metodo” di funzionamento di queste moderne apparecchiature che si trovano oggi in molti locali od uffici, ormai divenuti quasi indispensabili per sopperire a problematiche quali l’eccessivo caldo, umidità o rigide temperature. Non solo oggetto di arredamento  nelle varie tipologie presenti sul mercato (le forme più strane e moderne fungono anche per design) ma anche e soprattutto per benessere e confort di coloro che si trovano all’interno dei locali nei quali i climatizzatori stessi sono installati secondo precise disposizioni e da apposito personale tecnico specializzato. Luoghi sicuramente nei quali si passa una buona parte del proprio tempo, come possono essere uffici lavorativi (coperti anche da relativa assicurazione per eventuali danni su ciò che vi si trova al suo interno) ma anche posti di ritrovo come bar, locali, pub o altro. Quanto alla loro installazione di devono seguire procedure tecniche che ne permettano in futuro un utilizzo appropriato oltre che una manutenzione regolare. In ogni caso bisogna evitare abusi o usi eccessivi per tutelare la salute di ognuno: mal di schiena, dolori al collo, alle articolazioni dovuti ad un uso spregiudicato.

 

 

Lascia un commento